Vision

Con il termine “Vision” desideriamo indicare la proiezione del futuro scenario che intendiamo delineare per la città di Santa Marinella nel quadro dei nostri ideali, valori ed aspirazioni avendo la responsabilità di dover fissare gli obiettivi ed incentivare all’azione necessaria per il perseguimento del nostro progetto politico.

Come ben sapete, il nostro orientamento politico prescinde da qualunque ideologia sia di destra sia di sinistra di cui si fanno interpreti i partiti tradizionali e le coalizioni che ne derivano. Riteniamo tali schieramenti orami superati e non più all’altezza del momento storico che viviamo, nella consapevolezza che le ideologie, nel corso della storia, si sono rivelate portatrici di insanabili conflitti e guerre, così come nell’azione di governo, a qualunque livello (e quindi anche cittadino), essi sono risultati essere la diretta espressione degli interessi di solo una parte della popolazione e non di tutta la collettività, con il risultato, proprio come nel caso di Santa Marinella di deprimere profondamente la crescita della collettività e lo sviluppo del territorio.

Noi ci consideriamo portatori, non di ideologia, di idee ed ideali e la nostra idea di democrazia si fonda sul concetto della democrazia partecipata vera dei cittadini alla “res pubblica”. Tale concetto costituisce di per se il superamento e miglioramento della democrazia rappresentativa, in quanto siamo profondamente convinti che per rivitalizzare oggi la nostra democrazia, tenuta ormai in ostaggio dal gioco dei partiti con le loro strutture, è indispensabile connettere in un unico sistema rappresentanza e partecipazione, economia e politica, famiglia e istituzioni. In sostanza una democrazia partecipata, di genere, economica e non solo politica, che esce dal “palazzo” ed entra nella cultura della gente.

Facendo l’analisi dei risultati elettorali degli ultimi venti anni, si può invece osservare che proprio qui a Santa Marinella, i nominativi degli eletti che, in un modo o nell’altro, in uno schieramento o nell’altro o addirittura entrando con un certo simbolo e poi passando in altri simboli monopolizzando di fatto la vita politica della cittadina sono sempre gli stessi senza alcun ricambio.

Sostanzialmente una elité, una casta a cui i cittadini hanno delegato tutto. Questa forma di rinuncia da parte dei cittadini alla partecipazione attiva e di delega disinteressata della propria sovranità popolare, rimessa come un assegno in bianco nelle mani dei rappresentanti eletti, sempre gli stessi, ha creato una lobby politica che ha gestito l’amministrazione della città solo in funzione degli intessi propri e di quelli del gruppo di potere di cui essi sono stati espressione. Il risultato è sotto gli occhi di tutti. Proprio per questo, se siete ormai consapevoli della necessità di dover rompere gli schemi del passato e fare una scelta di cambiamento in funzione di un diverso futuro da costruire per Santa Marinella, Santa Severa e tutto il territorio, noi vi proponiamo un modello del tutto nuovo in cui sarete voi tutti, insieme a noi, i protagonisti della gestione della politica e la vita della comunità.

Intendo voi tutti perché per noi non esiste il rosso, il nero ed il bianco ma il bene comune costituito da tutti i cittadini che qui lavorano, producono, generano famiglie o unioni di fatto e si sacrificano per crescere essi stessi ed i propri figli avendo la giusta aspirazione a vivere in un posto che sia sempre migliore in standards di qualità della vita. E soprattutto, noi siamo voi. Noi non siamo politici professionisti, noi non abbiamo dietro di noi gruppi di interesse da sostenere, noi siamo cittadini come voi e veniamo da tutte le componenti della società.

In tale quadro di valori intendiamo svolgere la nostra azione per portare il Comune di Santa Marinella e la cittadina di Santa Severa ad una vera e propria “rinascita” che consenta ad un territorio a valenza prettamente turistica di rivivere un ruolo altamente qualificato come quello vissuto negli anni ’60, ’70 ed ’80 che portò giustamente all’attribuzione alla città della qualifica di “Perla del Tirreno”.

Sul territorio sono già presenti tutti gli elementi necessari per raggiungere un così importante obbiettivo. La comunità di Santa Marinella e Santa Severa ed il territorio metropolitano, hanno delle potenzialità enormi che la scarsa lungimiranza delle classi politiche al governo non hanno saputo gestire ed indirizzare, limitando la propria attività amministrativa solo alla lottizzazione ed al consumo del suolo per l’esclusivo mantenimento del business edilizio. Tutto il resto, tranne qualche piccola realtà come la Biblioteca Comunale o il Polo Museale, giace in stato di abbandono come le poche opere pubbliche realizzate quali il palazzetto dello sport, il campo sportivo, la piscina.

E’ nostra volontà governare in una prospettiva in cui, partendo dalla realizzazione delle piccole cose, quelle sicuramente possibili ed urgenti, si continui durante il mandato a realizzare anche i grandi progetti necessari alla crescita della città, come quello della realizzazione di un nuovo municipio in cui siano ubicate tutte le articolazioni oggi sparse in differenti sedi, così come anche quelli che stanno a cuore ai cittadini.

Per far ciò noi abbiamo il coraggio di dire ai nostri concittadini che non intendiamo fare promesse in quanto siamo ben consci della situazione debitoria in cui la città è stata lasciata dalla precedente amministrazione. In una ottica di rigore amministrativo che preveda, non l’innalzamento delle tasse e dei tributi, ma il taglio degli sprechi, la razionalizzazione delle risorse, il recupero dell’evasione e la capacità di reperimento di fondi regionali, statali ed europei, noi intendiamo innanzi tutto restituire il decoro alla città soprattutto nel settore della cura e pulizia urbana così come dell’ambiente naturale e paesaggistico circostante. In tale ottica, oltre ad aree sia pur centrali ma non certo ben mantenute come la parte compresa fra Capolinaro e l’Aurelia, riteniamo necessario gravitare attraverso una capillare opera di riqualificazione in alcuni quartieri periferici della città che sono sistematicamente lasciati in una condizione di degrado (Perazzeta, Alibrandi, Combattenti, Valdambrini, Quartaccia, Belvedere Colfiorito).

Analogamente riteniamo che, in un quadro di valorizzazione delle risorse umane a disposizione dell’amministrazione, debba essere ottimizzata la produttività della struttura amministrativa comunale con la massimizzazione dell’efficienza e dei risultati in funzione del raggiungimento degli obiettivi posti, così come dovrà essere attuato il potenziamento e l’efficientamento della Società Multiservizi per far fronte alle esigenze di mantenimento dei servizi comunali. Ristabilito un quadro minimo di standard di decoro ed efficienza, riteniamo nel contempo indispensabile ripristinare tutte quelle opere pubbliche necessarie a conferire una migliore qualità dei servizi forniti ai cittadini in tutti i principali settori: verde pubblico, sport, servizi sociali, viabilità e parcheggi, trasporti, turismo, arte cultura e spettacolo. Inoltre, e questa è la sfida più difficile da affrontare intendiamo dare un forte impulso alle attività commerciali e produttive al fine di consentire lo sviluppo economico e l’ampliamento dell’offerta di lavoro sul territorio per i giovani. Tale obiettivo, proprio a seguito del restituito decoro, può essere perseguito attraverso il rilancio turistico della città nell’ambito del circuito territoriale che permette di sfruttare le ricchezze storiche, naturali ed archeologiche presenti in sistema con le altre vicine realtà (Civitavecchia, Tarquinia, Cerveteri e Roma), così come riteniamo importante la risorsa clima per la sua salubrità e le proprietà terapeutiche curative per le malattie respiratorie che nel passato hanno consentito a Santa Marinella di svolgere una importantissima funzione nel settore delle colonie marine.

Ovviamente non è possibile elencare tutte le cose che sarebbe possibile fare per restituire a Santa Marinella e Santa Severa quella dignità che hanno avuto nel passato e che, se realizzate, potrebbero finalmente determinare una nuova rinascita ed un nuovo capitolo nella storia futura di questo territorio. Siamo profondamente consapevoli che questo è ciò che i cittadini di Santa Marinella e Santa Severa vorrebbero e per farlo non è necessario un programma dei sogni.

Pensiamo sia sufficiente un programma fondato sulla realtà, un programma che può anche considerarsi minimo per gli obiettivi immediati e stringenti che devono essere raggiunti nel breve termine, ma che può essere ancora aperto ad ogni nuova esigenza o progetto che dovesse presentarsi per effetto della mutevolezza delle opportunità e del cambiamento delle condizioni finanziarie e socioeconomiche. L’elemento da cui non si potrà assolutamente prescindere come conditio sine qua non per il raggiungimento degli obiettivi fissati è che bisognerà noi per primi, ma anche voi, rimboccarsi tutti le maniche e lavorare incessantemente insieme per migliorare l’attuale situazione, mettendo da parte le polemiche e le lamentele che difficilmente aiutano a compiere un percorso teso al progresso, ma contribuendo con la volontà realizzatrice di tutti e l’amore per il fare nel dare ciascuno il proprio apporto per migliorare il futuro della nostra città nella consapevolezza di far tutti parte di un unico tessuto sociale.


Copyright © 2018 - MoVimento 5 Stelle Santa Marinella - Tutti i diritti riservati.
Policy privacy